30 June 2007

Dolphins of Greece, June 2007

Heat. Stifling heat is my strongest impression of this eye-opening week in Vonitsa with Joan (PI), Malvina, and Suzie, as well as my three fellow volunteers Caryn, Michael, and Jonathan. Heat defines our daily rhythms, robs us of good sleep, and offers us the authentic Greek experience. Early mornings are warm, sometimes slightly cool, before the thermometer starts its inevitable climb. We are on the water from 8 to noon, which is exhilarating and our tasks commands our complete attention (more on this below). When we return to the wharf, however, the sun has baked us and the breeze generated by the motion of the inflatable (if no other air movement exists) vanishes. We repair immediately to the Remezzo each day for beer, frappe, coke, iced tea, and cold water to rehydrate our bodies, compare notes, and share glimpses of pictures on our digital cameras.

Returning to our Earthwatch quarters, we prepare and eat a lunch of fresh salads and pastries, then knock off all activity until 4:30 p.m. Like the shopkeepers and public servants, we simple shut down for a few hours and endure the heat by doing as little as possible. By late afternoon, we pick up our pace and work under the direction of Joan, Malvina, and Suzie, cropping photographs taken in the morning, matching individuals with master files using their fins and scars (much like finger print matching or tree ring studies in dendrochronology). Fascinating. As the afternoon proceeds, we receive instruction from our three staff members, see videos about dolphins, other sea mammals, and the state of the world fisheries. These are invariably excellent, though some are inspiring while others deeply disturbing. They all inspire both reflection and conversation.

In pairs, we take turns cooking the dinner meal, swabbing the bathroom, and enjoying a little free time. By 9 p.m. the air has cooled enough to open the big windows and shutters over the dinner table and hope for a breeze. Sometimes we get it, sometimes we get mosquitos instead. Whichever is the case, the seven of us sit down for dinner together around 9:30. This is our land-based highlight of the day, as our conversations range from one or us to another—with each of us sharing something of our own knowledge, cultures, families. We all pitch in after the meal to clean up the table, wash the dishes, and do whatever else needs to be done for our common welfare. No slackers here, and much appreciation is expressed throughout the day for what others are doing. In less than a week, the seven of us have created a new micro-community in Greece from four distinct national backgrounds.

The heat remains. It has helped bond us, even as it oppresses us as each night darkens into blackness. Some nights we go over to the seaside for a beer to cool off before bed, other nights we simple collapse on our bunks, adjust the oscillating fan so that it hits each one of us occasionally, and doze into a pleasant unconsciousness that is punctuated intermittently by an awareness of sweat unevaporated by the fan´s persistent but meagre effort to cool us. By morning, on most days, I awakened about dawn (6 a.m.) freshened by the night air. Never have I understood the Mediterranean cultures as I do after a week in Vonitsa. I am grateful to have experienced it in the record-breaking late June heat that has defined our days here. We are living here authentically, without air conditioning. For that matter, we have also lived this week without municipal water for a day, for an hour or two one afternoon without electricity (no fans!), and without internet service in the town (which, for several days now the local café has told us “Perhaps tomorrow”).

Now for the dolphin research itself, the purpose that brought us together in Vonitsa. I have revelled in our days on the Amvrakikos Gulf in the inflatable boat with 100 HP Yamaha engine. We have seen dolphins in many moods, at very close range and sometimes in considerable numbers. We have photographed them for scientific purposes (even tried out Joan´s splendid camera and lens ourselves), counted them, helped collect skin swabs for DNA work, skimmed fish scales after their feeding frenzies, and learned the techniques for tracking them, counting them, and all the rest. I will leave with high respect for the practical skills as well as the scientific precision necessary to do this work in a way that commands respect among both scholars and public policy makers. Most important, however, I will leave with an abundance of new knowledge that will enable me to become an enlightened consumer of seafoods (which I love) and a determined advocate of sustainable fishing practices and the establishment of fish preserves worldwide. Thank you Joan, Malvina, and Suzanna, thank you Giovanni and Tethys, and thank you Earthwatch! This is my first Expedition with Earthwatch and it has lived up to my best hopes.

Final reflections: I have been a desert or mountain dweller in Utah and other parts of the American west for most of my adult life. So much is transferable from the issues we face there. Instead of dolphins, whales, tuna and swordfish, we fight for the survival of Grizzly Bears, Wolves, Mountain Lions, and California Condors. Like the multi-generational fishing families here, it is often the ranchers there who have a compelling culture, many rare and robust skills, and a distinctly hearty attitude about living. They, too, or educable (as are we conservationists, we hope) and we are finding increasingly common ground in protecting the natural world in its fullness. Mutual understanding based on hard-won trust and respect, and shared knowledge are the touchstones on which we must build a sustainable future for life on earth. We are closer to “Do or Die” than any of us probably know.



From our seaside loft in Vonitsa, you can see the Amvrakikos Gulf, where we spend our mornings on the inflatable in search of bottlenose dolphins to study. There is bright sunshine already when we walk down to the dock to load the boat. The town is waking up while the fishermen are just coming in, unloading their catch and readying their nets to set again in the evening. The Gulf looks calm most mornings and we hope it stays that way to make it easier to spot the dolphins, because that’s when the fun starts...

We’ll all be scanning the horizon and someone will yell, “dolphins in sight!” Our P.I., Joan, confirms the sighting, guns the engine and we’re off. Against a backdrop of mountains that rise out of the water, an old castle on the town hilltop, and groves of olive trees along the distant coastline, we are excited to be racing to see our first dolphins of the day. You could watch them all day, every day, if Joan had enough fuel, but there’s work to do. Whether it’s spotting dolphins to be photographed, recording dolphin behavior, timing dives or testing water quality, everyone has a role to play to make sure that the data is collected accurately for later analysis. Joan and his assistants, Malvina and Susie, help him collect fish scales for prey identification and dolphin skin swabs (not to worry – it’s non-invasive) for genetic analysis. Most times it’s very hard to remember the scientific work when a dolphin is swimming so close to the boat that you can see him looking right at you. Or when dolphins are leaping into the air and you just want to stand up and clap and say bravo!!! Or when you are lucky enough to see a newborn dolphin learning how to swim alongside its mother. The dolphins are absolutely spectacular. I know that at the end of this incredible week, I’ll leave Vonitsa with optimism for the future of these dolphins because of the efforts of the people who work so hard to protect them.

Thank you, Joan, Malvina, Susie -- for everything! Adios, Posi!



I must start by saying this trip was amazing. With this being my third EarthWatch expedition this trip altogether has exceeded my previous standards and expectations. We had a great group of volunteers as well as leaders. Joan, Malvina and Susie all did an excellent job of conducting the research while at the same time organizing all the volunteers to do their part as well. Jonathan, Jack and Caryn were an entertaining and pleasant group of people to be with. With everyone’s mixed backgrounds and cultures we got along very well and we all seemed to acclimate to the Greek culture’s relaxed lifestyle! And we can’t forget about the dolphins! It was unforgettable being out in the water studying the dolphins and their actions in person, then learning more about them with the videos and documentaries. My view of our world has changed in a positive way and I am more aware now of the dangers to life out there and what I can do to help. I would like to thank Joan for being a great PI and friend to us all. I know that all your hard work is respected and will be beneficial to changing our environment for the better. As for Malvina and Susie, good luck on your future schooling and thank you for an amazing experience. You guys were all great!



“To the dolphin alone, beyond all others, nature has granted what the best philosophers seek: friendship for no advantage. Though it has no need at all of any man, yet it is a genial friend of all and has helped many.”

“No creature is diviner than the dolphin;
For they once were men living in cities together with mortals.
But by the devising of Dionysos they changed land for sea
and took the form of fish,
And their righteous human souls preserve human thoughts and deeds.”

Great week A perfect balance of fieldwork in the morning, minilectures and videos in the afternoon, and socializing and hanging out in the village in the evening.

I love the village. Seems unchanged from traditional pretourist Greece. At 11 pm people of all ages are out walking along the waterfront, sitting at cafes, eating, drinking, smoking, socializing. Parents actually talking to their children. Kids swimming at the beach in the heat of the day. Every day and evening seems to be the same.

As a zoologist and amateur classicist, I found this a wonderful opportunity to try to see dolphins as the ancient Greeks did. The Greeks loved dolphins for their beauty, speed, sociability, kindness to their young, and friendliness to humans. Many stories of people saved from drowning by dolphins. A sea voyage in ancient times must have been a frightening experience. The sailors might rob you or sell you as a slave or the ship could sink and you would have no chance to survive... unless rescued by dolphins. The belief that dolphins rescued people may have arisen from the fear of drowning together with observations of apparently friendly behavior of dolphins toward humans---approaching and swimming alongside ships, bow-riding, turning their heads to look at people on board. And also the observation that they helped each other when one of them was wounded.

Thanks to Joan, Malvina, and Susy for making this a very successful week and to Jack, Michael, and Caryn for being such good companions.


28 June 2007

From the IDP guestbook (June 2007)

"Leaving Episkopi, the time is 8:30 and we are positive!” that is how the first day on field started. But then it was the thrill of the search, the eyes surveying the horizon and then the voice of Annalise “there”. Heartbeat rises, the preparation for the data collection and finally we see them up close. It is that particular moment where everything seems perfect. That moment when you feel complete happiness, alive, full and at the same time so small. That particular time that all the words can not describe. Keep on smiling guys they know you re there for them. Thank you! C u soon.
Evi (IDP 03)

I don’t want to descend into clichés about it being a ‘magical’ experience or other such nonsense. It was quite simply a brilliant week, spent with great company, learning a lot more than just about dolphins. The dedication of Stefano and Annalise to the project and to making their guests welcome is beyond compare. It has been a truly memorable experience, making we realise how shallow and empty my life at home is!!!!!
Simon (IDP 04)

27 June 2007

Avvistamento notturno a Episkopi

Il sole è già calato ad Episkopi mentre il team IDP si appresta a preparare la cena. Un improvviso rumore proveniente dal sottotetto rompe la calma serale… i nostri occhi scrutano la penombra in cerca dell’intruso, pensando che il rumore sia stato provocato dal vento o dalla passeggiata notturna di un gatto sul tetto.

Con estrema meraviglia scopriamo invece che, da dietro una trave, fanno capolino gli enormi occhi di un piccolo assiolo (Otus scops) che con leggiadria inizia a volare per la sala.

Meravigliati dall’insolito incontro, seguiamo con lo sguardo il piccolo rapace in volo che sembra ispezionare il nuovo ambiente a lui sconosciuto e dopo alcuni minuti, dopo aver soddisfatto la sua curiosità, si sposta su un ramo del mandorlo in giardino, dove è attirato dal richiamo di un suo simile.

La serata episkopiana è allietata dal curioso avvistamento e nel catalogo dei fotoidentificati, oltre alle consuete pinne dorsali, fa ora bella mostra di sè anche il nuovo amico pennuto che regolarmente continua a visitare l’albero di fronte a casa.

Il team IDP

25 June 2007

'Spiti' è ancora fra noi

Era il Settembre del 2003 quando, durante un avvistamento, osservammo un tursiope senza pinna dorsale. Un taglio, ancora fresco, l'aveva mutilata per tutta la sua lunghezza.

L’individuo, nonostante quella ferita aperta di notevoli dimensioni, non presentava un comportamento anomalo rispetto agli altri membri del gruppo. In quella occasione ci interrogammo sulle sue possibilità di sopravvivenza con un sentimento di apprensione accompagnato da un senso di impotenza di fronte a quel fatto cruento.

Tuttavia, nei giorni successivi continuammo ad avvistarlo e questo ci parve un buon segno. La ferita si stava rimarginando e il pericolo di infezioni era stato scongiurato.

La stagione successiva, con nostro grande piacere, ritrovammo Spiti (questo è lo strano nomignolo che gli abbiamo affibbiato - in greco significa 'casa'!) con la ferita totalmente guarita, a nuotare nelle acque di Kalamos privo di pinna dorsale e apparentemente senza la minima difficoltà nel nuoto.

Da allora Spiti è stato rivisto innumerevoli volte.

Anche quest’anno lo abbiamo rivisto in compagnia di altri membri della popolazione di Kalamos (Dustin, Lara, Atena etc). A volte un po’ in disparte, a volte intento ad accudire un piccolo, a volte al centro del gruppo, Spiti conduce una vita da tursiope kalamense al 100%. Nonostante la sua mutilazione.

Ci conforta vedere la sua 'non-pinna' spuntare dal mare, ora che è diventato la mascotte dei partecipanti ai campi di ricerca IDP, sia perché si presta molto bene ad essere immediatamente riconosciuto durante l’avvistamento, sia perché la sua storia tocca un po’ tutti.

Le cause della sua menomazione non sono del tutto chiare. Potrebbe essere stata una lenza da palamito che si è impigliata attorno alla pinna e l'ha progressivamente segata, una collisione con qualche elica, o chissà che altro motivo. In ogni caso, fa piacere vedere che la natura è riuscita a porvi rimedio e che Spiti nuota in ottima salute ed è perfettamente integrato nel suo gruppo.

Il team IDP

24 June 2007

Welcome back!

"Sono tornati.

Dopo un lungo e tiepido inverno, eccoli che navigano ancora nelle limpide acque di Kalamos. Li abbiamo incontrati numerose volte mentre percorrevano i transetti con il loro gommone, intenti a monitorare il nostro mare, che loro chiamano 'area di studio', e pronti ad accoglierci con entusiasmo ad ogni nostro affioramento.

Eccoli i ricercatori, impegnati assieme ai volontari nella raccolta di dati relativi alle nostre respirazioni, al nostro comportamento, tutti presi dalla frenesia di identificarci scattando innumerevoli foto delle nostre pinne dorsali.

Ci hanno tenuto compagnia alla fish farm di Mytika, dove di tanto in tanto andiamo a cercare qualche prelibato bocconcino, e nelle acque antistanti il villaggio di Kalamos. La loro discreta presenza non interferisce con le nostra abituale attività, che comprendono interazioni sociali, salti e 'babysitting' dei più giovani del gruppo.

Anche i nostri coinquilini, i delfini comuni, li hanno incontrati dalle parti di Lefkada, accogliendoli con un'ovazione. Ci aspetta una nuova stagione di incontri ed emozionanti avventure in compagnia del team IDP.”

I tursiopi di Kalamos

22 June 2007

Prove di tagging nel Santuario

Siamo di nuovo nel porto di San Remo, preparandoci ad affrontare un’altra settimana di ricerca, riflettendo, ricordando e discutendo dei giorni passati in mare e sui dati raccolti. La quarta settimana di ricerca nel Santuario dei Cetacei ha visto la presenza a bordo di Pelagos del vicepresidente di Tethys e esperto di balenottere comuni Simone Panigada.

Durante la sua presenza a bordo l’obiettivo principale della ricerca è stato il tagging e il tracking di balenottere. I partecipanti hanno assistito al posizionamento di una antenna in testa all’albero di mezzana, a circa 14 metri di altezza, necessaria a ricevere i segnali radio provenienti dal tag (un sofisticato strumento che si attacca al dorso degli animali tramite una ventosa e che consente di registrare il comportamento subacqueo dei cetacei).

Con tutta la strumentazione pronta all’uso e l’equipaggio eccitato per questo interessante obiettivo, abbiamo lasciato il porto e, con la prua rivolta verso sud, abbiamo raggiunto le acque profonde lontane dalla costa dove la probabilità di avvistare i grandi misticeti è maggiore. Siamo invece stati accolti dall’esuberanza di sei diversi gruppi di stenelle striate che, saltando e avvicinandosi alla barca, hanno entusiasmato ricercatori e volontari.

Dopo aver passato la notte nell’incantevole baia di Saint Jean, ci siamo rimessi alla ricerca delle balenottere e i giorni successivi li abbiamo trascorsi nelle acque lontane dalla costa. Come al solito le stenelle ci hanno accompagnato durante la navigazione ma i momenti più belli sono stati sicuramente gli avvistamenti di una balenottera e di un gruppo di circa dodici grampi.

Appena avvistati i grampi si è deciso di tentare di applicare loro un tag, viste le condizioni ottimali. La tensione era palpabile e, con l’aiuto di tutti, è stata preparata la strumentazione necessaria. Diversi tentativi di tagging si sono succeduti, data la prolungata permanenza degli animali in prossimità della prua. Sfortunatamente, in nessun caso il tagging è andato a buon fine.

Verso la fine della settimana le condizioni meteorologiche sono purtroppo peggiorate, impedendo ulteriori uscite in mare. Le giornate sono state arricchite da numerose altre attività: un’escursione al Museo Oceanografico di Monaco, lezioni sui cetacei, discussioni a tema e qualche ora di matching per confrontare le immagini dei grampi incontrati in mare con quelli del catalogo Tethys.

Il team CSR

Alcuni commenti dei partecipanti:

“… I had a wonderful time this past week. It was definitely an experience I will never forget. All the researchers were so professional and attentive to our needs. It was lovely to see their enthusiasm to their job… There is no doubt that I learnt a lot from the lessons and the actual work...”
Emily, Israel

“…Devo dire che il mio desiderio è stato realizzato nel migliore dei modi, non solo perchè ho avuto l’opportunità di conoscere moltissimi aspetti di un mondo a me sconosciuto, ma perchè più sapevo e più volevo sapere. Non è forse uno dei risultati migliori che si può ottenere da un’esperienza come questa? Questo grazie al progetto in sé e alla presenza dei meravigliosi ricercatori e dello skipper che ci hanno accompagnato nella settimana, un mix di cultura, simpatia, disponibilità e dolcezza! Senza contare l’impegno e la professionalità che mettono nel loro lavoro peraltro per niente semplice…”
Nicole, Italy

20 June 2007

Sulla rotta dei delfini... a Genova

Il 22 giugno prossimo verrà inaugurata a Genova, all’interno del Museo Luzzati, la mostra dal titolo Sulla rotta dei delfini. Visioni di mare tra Montecarlo, Genova, Durazzo, organizzata dal Console Onorario dell’Albania a Monaco e dal Museo Luzzati, con la partecipazione del Segretariato di ACCOBAMS.

La mostra, che si protrarrà fino al 9 settembre, si inserisce nell’ambito delle attività dell’Anno del delfino, una campagna di sensibilizzazione condotta sotto l’egida dell’UNEP.

Saranno esposte opere di pittura, scultura e fotografia di celebri artisti, quali Silvia Loew, Claude Gauthier, Lele Luzzati, Flavio Costantini, Artan Shabani e Roland Tasho, che illustrano temi universali come la protezione dell’ambiente marino.

Nell’ambito dei diversi eventi previsti, ACCOBAMS organizzerà una conferenza in collaborazione con l’Istituto Tethys: il 19 luglio alle ore 18.00 Sabina Airoldi presenterà al grande pubblico l’Accordo e i diversi temi relativi alla conservazione dei cetacei.

Per maggiori informazioni:

Museo Luzzati, tel. + 39 010 2468268; info@museoluzzati.it
Secretariato ACCOBAMS, tel. +37798984275, sartoris@accobams.net

18 June 2007

Benvenuta Giorgia

Lunedì 11 giugno alle 18.59 è nata Giorgia, una bellissima bambina di 3 Kg figlia della collaboratrice e responsabile stampa di Tethys Claudia Fachinetti. Tanti auguri alla cetologa in erba!

16 June 2007

Tethys in Sicilia

La bellissima Palermo ha ospitato dal 6 al 9 giugno l’ottavo meeting dei rappresentanti nazionali delle SPA – le Aree Specialmente Protette del Mediterraneo, organizzato dal RAC-SPA (Regional Activity Centre for Specially Protected Areas) nell’ambito del Mediterranean Action Plan dell’UNEP.

Il congresso ha visto la partecipazione dei rappresentanti di tutti i paesi che si affacciano sul Mediterraneo, dalla Spagna alla Turchia, dal Marocco al Libano, da Malta a Cipro. Oltre ai rappresentanti di tutti gli Stati del Mediterraneo erano invitati anche gli osservatori di organizzazioni nazionali e internazionali, tra cui ACCOBAMS, IUCN, ICRAM, WWF, e l’Istituto Tethys.

I punti toccati dal congresso nei quattro giorni di discussione vertevano soprattutto sullo sviluppo di aree protette marine e costiere e sull’implementazione di piani d’azione e di protocolli per la salvaguardia della biodiversità in Mediterraneo.

Nella penultima giornata, l’Istituto Tethys, rappresentato dal presidente Giovanni Bearzi e da me, è stato invitato a presentare il lavoro di ricerca svolto in Grecia negli ultimi 16 anni, che nel 2005-2006 è stato sostenuto anche dal RAC-SPA.

Bearzi ha dettagliatamente descritto le ricerche di Tethys nelle due aree di studio di Kalamos e del Golfo di Amvrakikos, ha delineato le problematiche e le strategie gestionali necessarie e ha sottolineato l’importanza di mettere in atto immediatamente speciali misure, che possano garantire la tutela dei delfini e di tutto l’ecosistema marino.

L’intervento ha riscosso grande successo e, nonostante si fosse alla fine di una lunga e faticosa giornata, tutti i partecipanti al congresso si sono mostrati vivamente interessati e hanno sommerso Bearzi di domande. Molti rappresentanti nazionali sono venuti personalmente a congratularsi con Tethys per l’ottimo lavoro svolto, e il rappresentante della Libia, Abdulmaula Hamza, ha sottolineato formalmente che il lavoro di Tethys rappresenta un esempio positivo da prendere a modello.

Silvia Bonizzoni

12 June 2007

Seconda settimana di ricerca nel Santuario

La seconda settimana di ricerca nel Santuario dei cetacei non è iniziata nel migliore dei modi.

I primi giorni sono stati caratterizzati da mare grosso, vento, pioggia e temperature al di sotto della media stagionale.

Nonostante il tempo inclemente l'equipaggio di Pelagos non si è lasciato scoraggiare e, di comune accordo, ricercatori e volontari hanno deciso di uscire comunque in mare per monitorare l'area di studio. La loro perseveranza è stata ben ripagata quando, dopo ore trascorse chi all'ascolto con la cortina idrofonica, chi sotto una pioggia battente, è stato avvistato il primo soffio di un grosso capodoglio a circa 20 miglia dalla costa. L'acqua scrosciante e il freddo non hanno intimorito l'equipaggio, che ha svolto le procedure per la raccolta dei dati per due cicli di immersione ed emersione del capodoglio.

Forse proprio la consapevolezza di non aver gettato la spugna e di essere riusciti con l'impegno di tutti a "portare a casa" importanti dati scientifici ha creato un'atmosfera speciale a bordo, dove l'emozione di ognuno era palpabile tanto quanto l'acqua che ci aveva inzuppato gli abiti.

Una volta rientrati in porto, sorseggiando una tazza di the caldo, è stata subito effettuata la foto-identificazione dell'animale. Con grande sorpresa ed entusiasmo, ricercatori e volontari hanno constatato che si trattava di Matt, un assiduo frequentatore delle acque del Santuario avvistato più volte nel corso degli ultimi undici anni.

Nei giorni successivi il miglioramento delle condizioni meteo ha permesso di concludere in bellezza la settimana con un favoloso avvistamento di una giovane balenottera comune a poche miglia dalla costa. Non sono mancati diversi incontri con gruppi di stenelle striate che hanno divertito ed emozionato l'intero equipaggio.

Il fine settimana è stato arricchito dalla visita di uno dei maggiori esperti italiani di bioacustica marina, il Dott. Gianni Pavan del Centro Interdisciplinare di Bioacustica dell'Università di Pavia. Dopo una conferenza sui cetacei, il Dott. Pavan si è unito all'equipaggio scientifico di Pelagos per uno scambio di opinioni su diversi aspetti della ricerca e per un ottimo piatto di pasta al pesto.

Il team CSR

Ecco alcuni commenti lasciati dai partecipanti:

As they lectured in English it was obvious how good their depth of knowledge was as well as thir English, which I can appreciate makes the subject being taught very difficult but they managed to keep it at a level we could understand.
Tony, UK

After I got my patch against seasickness I really enjoyed my stay on the Pelagos and felt very good out at the sea and the one I liked best was to see two different whales, the Sperm whale and the Fin whale. We had also a lot of fun doing the identification and I learned a lot of the life of cetaceans and I would like to do something like this again.
Sandra, Germany

Un'esperienza veramente bellissima, non ci sono parole per descrivere le emozioni che si provano quando si sente il cliccare di un capodoglio e poi lo si vede immergersi mostrando la sua imponente coda o quando si naviga accanto ad una balena che prende fiato con tutta la sua tranquilla eleganza... Tutto questo non ve lo posso raccontare ma ringrazio Tethys per questa opportunità!
Barbara, Pavia

03 June 2007

Nuovo sito web sui media digitali

Keene Hayward, Ph.D., ha coordinato una tavola rotonda sui Nuovi Media al meeting annuale dei Pew Fellows in Marine Conservation tenutosi nel 2006. Come follow-up di quell'incontro, Keene ha realizzato un utilissimo sito per fornire informazioni sull'utilizzo di strumenti e media digitali. Il sito contiene sezioni sulla tecnologia GPS/GIS e sugli applicativi di Google Earth.

Keene scrive: "Questo sito web è stato creato come risorsa se vi serve un punto di partenza per reperire strumenti media digitali per i vostri progetti. E' essenzialmente una lista di software e hardware che può aiutarvi con il vostro lavoro e consentirvi di presentarlo al grande pubblico online o in formato digitale."

Il sito web è:

Per maggiori informazioni sul Pew Fellows Program in Marine Conservation cliccate qui.

02 June 2007

Consumare di meno?

Un anno fa mi ero appuntato queste parole scritte da Michele Serra su Repubblica. Mi sembrano più che mai attuali, e le ripropongo qui. Magari hanno pure qualcosa a che fare con la conservazione dei cetacei.


Perché, tra i fattori che spingono a consumare di meno, non si mette mai in conto anche una possibile saturazione, e quel vago senso di indigestione che le società benestanti si portano in seno? Ci sono consumi ormai di massa (certe vacanze, certi vestiti, certe seconde case, certe terze automobili, certi quarti telefonini) che magari hanno segnato il loro tempo, e ai quali si rinuncia non solamente per la contrazione del potere d'acquisto, ma per sazietà o noia. (...) ognuno di noi conosce almeno qualcuno che ha scelto di lavorare un po' meno e spendere un po' meno, per vivere meglio. In che statistica va a finire, questo occidentale che ha deciso di rallentare per respirare, e magari addirittura per pensare a se stesso?

Michele Serra

No shopping